Il Visconte dimezzato, il Barone Rampante, e il Cavaliere inesistente. Secondo il giovane studioso Fedrigotti la trilogia fiabesca dei Nostri antenati di Italo Calvino può essere una chiave di volta per scoprire i caratteri dell’uomo postmoderno, se la si legge in una chiave filosofica, ma anche teologica.
Ne parla oggi Fulvio Panzeri su Agorà di Avvenire.I librai aspettavano di poter leggere un libro così. Soprattutto perché la trilogia di Calvino è forse una delle opere letteraria che più hanno amato sin da bambini.Per questa ragione oggi il libro del giorno è quello di Paolo Fedrigotti, Tre storie, due mondi, un volto. Spunti per una lettura filosofica della trilogia «I nostri antenati», Cittadella

Il Visconte dimezzato, il Barone Rampante, e il Cavaliere inesistente
Secondo il giovane studioso Fedrigotti la trilogia fiabesca dei Nostri antenati di Italo Calvino può essere una chiave di volta per scoprire i caratteri dell’uomo postmoderno, se la si legge in una chiave filosofica, ma anche teologica.

Ne parla oggi Fulvio Panzeri su Agorà di Avvenire.

I librai aspettavano di poter leggere un libro così. Soprattutto perché la trilogia di Calvino è forse una delle opere letteraria che più hanno amato sin da bambini.

Per questa ragione oggi il libro del giorno è quello di Paolo Fedrigotti, Tre storie, due mondi, un volto. Spunti per una lettura filosofica della trilogia «I nostri antenati», Cittadella

Una spy story che coinvolge il Vaticano; un papa, di nome Benedetto; un maggiordomo, che in realtà era una spia.Tranquilli, si tratta di Benedetto XV (al secolo Giacomo Della Chiesa) e non XVI (cioè Joseph Ratzinger), ma la vicenda riguarda pur sempre un maggiordomo di sua Santità, o meglio, come si diceva allora, un cameriere segreto, monsignor Rudolph Gerlach.(Maria Antonietta Calabrò)Annibale Paloscia, Benedetto fra le spie 1914. L’anno fatale della grande guerra, Ugo Mursia Editore

Una spy story che coinvolge il Vaticano; un papa, di nome Benedetto; un maggiordomo, che in realtà era una spia.
Tranquilli, si tratta di Benedetto XV (al secolo Giacomo Della Chiesa) e non XVI (cioè Joseph Ratzinger), ma la vicenda riguarda pur sempre un maggiordomo di sua Santità, o meglio, come si diceva allora, un cameriere segreto, monsignor Rudolph Gerlach.
(Maria Antonietta Calabrò)

Annibale Paloscia, Benedetto fra le spie 1914. L’anno fatale della grande guerra, Ugo Mursia Editore

Currently reading
Un bel libro dell’etologo austriaco, premio Nobel per la medicina.Una prosa piacevole ma mai superficiale che accompagna nell’interessante vita delle taccole e dei pesci d’acquario anche chi si riteneva completamente indifferente.Perché si può riflettere sulle caratteristiche dell’uomo anche partendo dalla vita sociale degli animali.Konrad Lorenz, L’anello di re Salomone, Adelphi

Currently reading

Un bel libro dell’etologo austriaco, premio Nobel per la medicina.
Una prosa piacevole ma mai superficiale che accompagna nell’interessante vita delle taccole e dei pesci d’acquario anche chi si riteneva completamente indifferente.
Perché si può riflettere sulle caratteristiche dell’uomo anche partendo dalla vita sociale degli animali.

Konrad Lorenz, L’anello di re Salomone, Adelphi

Pio XII e il nazismo: una storia di spionaggi, delazioni e denigrazioni. 
Ne Il Terzo Reich contro Pio XII lo storico della Chiesa Pier Luigi Guiducci ricostruisce, carte alla mano, il rapporto di papa Pacelli con il Paese da lui molto amato e del quale parlava perfettamente la lingua. 
Il Pontefice è spesso stato accusato da storici di parte avversa di «assordanti silenzi», se non addirittura di complicità con Hitler; il libro di Guiducci si colloca sul versante opposto, allo scopo di sfatarne la leggenda nera.(Dario Fertilio)P. Luigi Guiducci, Il Terzo Reich contro Pio XII. Papa Pacelli nei documenti nazisti, San Paolo Edizioni

Pio XII e il nazismo: una storia di spionaggi, delazioni e denigrazioni.

Ne Il Terzo Reich contro Pio XII lo storico della Chiesa Pier Luigi Guiducci ricostruisce, carte alla mano, il rapporto di papa Pacelli con il Paese da lui molto amato e del quale parlava perfettamente la lingua.

Il Pontefice è spesso stato accusato da storici di parte avversa di «assordanti silenzi», se non addirittura di complicità con Hitler; il libro di Guiducci si colloca sul versante opposto, allo scopo di sfatarne la leggenda nera.
(Dario Fertilio)

P. Luigi Guiducci, Il Terzo Reich contro Pio XII. Papa Pacelli nei documenti nazisti, San Paolo Edizioni

In questo pamphlet sugli ultimi della classe, Eraldo Affinati, docente delle superiori, solleva il tema della meritocrazia, smontandolo pezzo a pezzo e rimontandolo in una forma inusuale. 
Lo scrittore intreccia narrazione, teoria e discussione: una lettura veloce ma mai accomodante.Eraldo Affinati, Elogio del ripetente, Mondadori
Ne ha parlato in una bella recensione sul Corriere della Sera Ida Bozzi ieri.

In questo pamphlet sugli ultimi della classe, Eraldo Affinati, docente delle superiori, solleva il tema della meritocrazia, smontandolo pezzo a pezzo e rimontandolo in una forma inusuale.

Lo scrittore intreccia narrazione, teoria e discussione: una lettura veloce ma mai accomodante.

Eraldo Affinati, Elogio del ripetente, Mondadori

Ne ha parlato in una bella recensione sul Corriere della Sera Ida Bozzi ieri.

Sui giornali di oggi è apparsa la notizia di un lutto nel mondo della teologia italiana. 
A 87 anni è morto don Enrico Chiavacci, uno dei maggiori teologi moralisti della Chiesa del postconcilio.
Su la Repubblica, L’unità e Avvenire
Abbiamo deciso di ricordarlo attraverso alcune delle sue più recenti opere:Invito alla teologia morale, QuerinianaTeologia morale fondamentale, CittadellaIl cammino della morale. Enrico Chiavacci a colloquio con Valentino Maraldi, AncoraLezioni brevi di bioetica, CittadellaLezioni brevi di etica sociale, Cittadella

Sui giornali di oggi è apparsa la notizia di un lutto nel mondo della teologia italiana.

A 87 anni è morto don Enrico Chiavacci, uno dei maggiori teologi moralisti della Chiesa del postconcilio.

Su la Repubblica, L’unità e Avvenire

Abbiamo deciso di ricordarlo attraverso alcune delle sue più recenti opere:

Invito alla teologia morale, Queriniana

Teologia morale fondamentale, Cittadella

Il cammino della morale. Enrico Chiavacci a colloquio con Valentino Maraldi, Ancora

Lezioni brevi di bioetica, Cittadella

Lezioni brevi di etica sociale, Cittadella

Pochi classici del pensiero hanno patito un equivoco analogo a quello toccato in sorte a Niccolò Machiavelli, inchiodato a una frase da lui mai pronunciata, “il fine giustifica i mezzi”, che ha finito per farne l’alfiere indiscusso del cinismo politico.Al contrario, come dimostra Maurizio Viroli nel libro Machiavelli filosofo della libertà (Castelvecchi), il grande fiorentino fece della virtù, della libertà e della gloria i valori fondamentali di un buon ordinamento. I veri condottieri possono sì compiere il male, ma soltanto quando non esistono altre strade per edificare i loro progetti, e comunque, immediatamente dopo, devono tornare “alla retta via”.(Franco Marcoaldi)Maurizio Viroli, Machiavelli filosofo della libertà, Castelvecchi
Pochi classici del pensiero hanno patito un equivoco analogo a quello toccato in sorte a Niccolò Machiavelli, inchiodato a una frase da lui mai pronunciata, “il fine giustifica i mezzi”, che ha finito per farne l’alfiere indiscusso del cinismo politico.
Al contrario, come dimostra Maurizio Viroli nel libro Machiavelli filosofo della libertà (Castelvecchi), il grande fiorentino fece della virtù, della libertà e della gloria i valori fondamentali di un buon ordinamento. I veri condottieri possono sì compiere il male, ma soltanto quando non esistono altre strade per edificare i loro progetti, e comunque, immediatamente dopo, devono tornare “alla retta via”.
(Franco Marcoaldi)

Maurizio Viroli, Machiavelli filosofo della libertà, Castelvecchi

Oggi su ‪la Repubblica‬ Marco Vannini, tra i più eminenti studiosi della tradizione spirituale cristiana, firma un bell’articolo sullo “Spirito del Libro”.

I titoli più recenti di Marco Vannini sono:
Lessico mistico. Le parole della saggezza, ‪le Lettere‬ -> http://goo.gl/l5VIsU
Oltre il cristianesimo, ‪Bompiani‬ -> http://goo.gl/jTYOFQ
Il Santo spirito fra religione e mistica, ‪Morcelliana‬ -> http://goo.gl/A5Xu3Y

——————————-

L’articolo di Marco Vannini è disponibile qui -> http://goo.gl/ILNNOl

Oggi sul Corriere della Sera, Luciano Canfora parla della nuova collana Variazioni della Scuola Normale Superiore di Pisa.

Il primo volume della collana è
Charles A. Sainte-Beuve, Ritratto di Tocqueville, Scuola Normale Superiore -> http://goo.gl/xvhLZ8

———————————-

L’articolo di Luciano Canfora sul Corriere della Sera di oggi è disponibile qui -> http://goo.gl/SLMqeq

L’eredità di Bremond resta tuttora importante, se si pensa allo spazio dato nelle sue ricerche alla storia di grandi convertiti al cattolicesimo come Newman, ma anche all’impronta lasciata nella sua formazione da pensatori del calibro di Maurice Blondel (con il capolavoro L’Action) e Henri Bergson. Ne è convinto il filosofo Armando Savignano, autore del bel saggio pubblicato pochi anni fa dalle Edizioni Messaggero di Padova Preghiera e poesia. L’esperienza religiosa in Henri Bremond.

Filippo Rizzi su Avvenire oggi parla dell’opera dell’ex gesuita Henri Bremond, un caposaldo della storia della mistica, e cita

Armando Savignano, Edizioni Messaggero di Padova, Preghiera e poesia. L’esperienza religiosa in Henri Bremond -> http://goo.gl/u96U5l

——————————-

Articolo di Filippo Rizzi su ‪Avvenire‬ è disponibile qui -> http://goo.gl/mZf087